Versione stampabile Pagina stampabile

Le analisi del sangue: intervista alla dott.ssa Orazietti

di Maria Grazia Moscatelli 13 Marzo 2004         Letto 32767 volte
Le analisi chimico-cliniche si eseguono per valutare lo stato di salute in generale e ci permettono anche di scoprire la presenza di malattie particolari. Almeno 500 sono i tipi di analisi di laboratorio che la scienza ha a disposizione per denunciare che cosa non va.

CHE COS'E' L'EMOCROMO?

Lesame pi richiesto sicuramente il cosiddetto emocromocitometrico mediante il quale possibile effettuare la conta dei globuli bianchi, dei globuli rossi e delle piastrine. Inoltre ci permette di valutare la concentrazione in grammi di emoglobina e di altri parametri come ad esempio il volume corpuscolare medio.

COSA SONO I GLOBULI ROSSI E CHE FUNZIONI HANNO?

I globuli rossi, o eritrociti, hanno il compito di trasportare lossigeno ai tessuti, di trasportare dunque lossigeno dai polmoni alle cellule di tutto lorganismo. Sono ricchi di emoglobina, la componente che conferisce al sangue il caratteristico colore rosso.

COSA SONO I GLOBULI BIANCHI E CHE FUNZIONI HANNO?

I globuli bianchi, o leucociti, rappresentano il nostro esercito. Come veri e propri soldati sono costantemente schierati a difendere lorganismo dalle aggressioni esterne di virus e batteri. Si suddividono in: linfociti, granulociti neutrofili, granulocitieosinofili, granulociti basofili, monoliti. Attraverso la formula leucocitaria, quindi con una divisione, si possono individuare le infiammazioni, le infezioni e altre malattie.

E LE PIASTRINE? COSA SONO?

Le piastrine sono i pi piccoli elementi cellulari del sangue e servono a farlo coagulare. Hanno origine dal midollo osseo e la loro assenza impedirebbe alle ferite di rimarginarsi.

PERCHE I DIABETICI DEVONO SOTTOPORSI ALLESAME DELLA GLICEMIA?

La glicemia lesame principale al quale si devono sottoporre i diabetici perch essa rappresenta il metodo principale di valutazione degli zuccheri. La glicemia la misurazione di glucosio presente nel sangue e i suoi valori dalla quantit di zucchero immessa nel sangue con gli alimenti e dalla capacit di smaltire questa dose di zuccheri. Lorganismo infatti, assume lo zucchero sotto forma di cibo, lo immagazzina e lo utilizza come energia per le cellule nervose, i globuli rossi e i muscoli. Una alterazione dei valori glicemici pu far sospettare una ipoglicemia o un diabete mellito. Tuttavia bisogna tener presente che anche stress e traumi psicologici possono portare ad alterazioni dei suddetti valori.

QUALI SONO GLI ESAMI CONSIGLIATI PER VERIFICARE IL BUON FUNZIONAMENTO DEI RENI?

Di solito si consiglia di effettuare un esame della creatinina e dellazotemia. La prima una sostanza presente nellurina e proviene dal metabolismo dei muscoli mentre la seconda misura la concentrazione dellurea nel sangue. Quando urea e creatinina finiscono per accumularsi nel sangue, significa che il rene non funziona correttamente perch non riesce a smaltirle. Tuttavia una diminuzione dei valori pu essere normale nei bambini perch il loro metabolismo pi ridotto e anche nelle donne in stato di gravidanza in quanto in questo stato c una maggior ritenzione idrica.

DA CHE COSA SI EVIDENZIA UN FEGATO MAL FUNZIONANTE O AMMALATO?

Per valutare lo stato di salute del fegato viene consigliato, di solito, di effettuare lesame della bilirubina, diretta o indiretta, e delle transaminasi GOT (o AST) e GPT (o ALT) e dalle Gamma GT. Le transaminasi sono enzimi presenti nel sangue mentre la bilirubina deriva dalla distruzione dei globuli rossi ed rappresentata dal pigmento giallo che colora la parte liquida del sangue.

SI SENTE PARLARE MOLTO SPESSO DI COLESTEROLO E DI TRIGLICERIDI. PUO DESCRIVERE IN BREVE, CHE COSA SONO E A COSA SERVONO?

Il colesterolo la base chimica per la produzione di alcuni ormoni ed il mattone che serve per la costruzione di tutte le membrane delle cellule. La sua presenza nel sangue dunque fondamentale. I trigliceridi sono gli altri tipi di grassi del sangue e a differenza dal colesterolo, la loro presenza dovuta esclusivamente allassunzione di determinati cibi, in modo particolare formaggi, burro e insaccati vari. I trigliceridi non vengono prodotti dallorganismo e non appena giungono nellintestino, vengono catturati da particolari proteine e vengono trasportati al fegato a al tessuto adiposo per essere immagazzinati ed essere quindi essere utilizzati dallorganismo in caso di bisogno.

CE UN ALTRO ESAME CHE VIENE COMUNEMENTE CONSIGLIATO DAI MEDICI, VALE A DIRE LA VES. CHE COSA DESCRIVE QUESTO ESAME?

La VES (velocit di sedimentazione dei globuli rossi) un esame che viene prescritto soprattutto quando la persona soggetta ad ammalarsi a causa di un abbassamento delle difese naturali o soffre di bronchite, faringite, ottite eccetera, che tendono a ripetersi. lesame principale che rivela la presenza di uninfezione o di una infiammazione. Il valore della VES esprime la velocit alla quale i globuli rossi sedimentano, cio si depositano nel fondo della provetta. Non si tratta tuttavia di un valore molto preciso perch la VES pu risultare normale anche se linfezione gi in atto e risultare elevata anche a guarigione avvenuta. Da tenere anche presente che lindice di VES tende ad alzarsi con il passare degli anni. Esiste un altro esame che rappresenta lindice infiammatorio per eccellenza: la proteina C reattiva (PRC). Si tratta di una sostanza che presente nel sangue delle persone affette da malattie infiammatorie e costituisce pertanto un valore pi preciso rispetto alla VES. La PRC aumenta quando ci si ammala e si normalizza dopo la guarigione.

NEL CASO SI PRESENTI LA NECESSITA DI UN INTERVENTO CHIRURGICO, QUALE LESAME DA TENERE MAGGIORMENTE IN CONSIDERAZIONE?

In questo caso, bene tenere presenti tutti gli esami chimico-clinici e in modo particolare i valori PT e PTT. Sono i valori che servono per esaminare la capacit di coagulazione del sangue. Sono definiti come tempo di protrombina (PT) e tempo di tromboplastina parziale (tempo di Qiuck o PPT). Sono valori molto importanti in caso di intervento chirurgico perch esprimono la coagulazione, cio quel processo finalizzato a bloccare lemoraggia. Il PT e il PTT valutano lefficienza delle piastrine e delle proteine della coagulazione nel meccanismo di riparazione e di coagulazione.

Articolo