Home | Focus Estero | I più Letti | Divulgazione | Saggi della Montagna | Documenti | Economia | ComunicArte | Encyclopedie | Conferenze |
 Divulgazione   
Italia ed Europa, un destino comune
Dal Pacifico al Medio Oriente, gli effetti dell'affermarsi della Cina
La dottrina nucleare americana tra Washington e Hollywood
Archivio


 Documenti   
Discorso di Bashar Assad all'Assemblea del Popolo, Damasco 30 marzo 2011
Dossier: Crimini in Vaticano
PER UN MONDO SENZA ARMI ATOMICHE: IL PUNTO DI VISTA TEDESCO
Archivio


 ComunicArte   
Una visione di Revolutionary Road di Sam Mendes
Colori e parole. Kandinsky e Trakl
LEONI PER AGNELLI
Archivio


 Conferenze   
Israele, da Gaza all\'Iran
Lavoro, debito, finanza: Crisi dei mutui e finanza mondiale, cosa ci riserva l'economia?
Quel fenomeno della Goldman Sachs...
Archivio


 I più letti   
Le analisi del sangue: intervista alla dott.ssa Orazietti    (32767)
Quel fenomeno della Goldman Sachs...    (19770)
Padroni dell\'universo e sovranità dei popoli: il caso BlackRock    (17555)
Colori e parole. Kandinsky e Trakl    (14656)
Federico Moccia, Tre metri sopra il cielo, Feltrinelli    (11706)
Archivio


  Versione stampabile Pagina stampabile
Homs, una città sprofondata nell’orrore organizzato dai gruppi armati, non da Damasco. Una testimoni di Silvia Cattori
Pubblicato il 10 Febbraio 2012
 
Il Siriano di cui ho raccolto la testimonianza vive a Homs, nel quartiere dove è stato ucciso Gilles Jacquier [giornalista francese, inviato di Antenne 2, morto lo scorso 11 gennaio, n.d.t.] e insieme a lui otto simpatizzanti siriani del governo Assad. I colpi di cannone cadevano intorno al suo edificio mentre parlavamo. Paralizzato dalla paura e dall'angoscia di una morte in agguato, parlava a voce bassa, con difficoltà.
Crediamo al quadro raccontato con sobrietà da questo uomo, padre di due figli. Crediamo alla sua sincerità. Ciò che lui afferma contraddice quanto affermano le autorità politiche - implicate nel conflitto - e i nostri media che persistono nel negare la realtà; ad attribuire distruzioni ed assassini alle forze armate siriane e affermare, a torto, che torturano bambini, violentano ragazze, uccidono intenzionalmente civili.
Ponendo il veto alla risoluzione proposta da Occidente e alleati arabi dei paesi del Golfo, Cina e Russia hanno dimostrato di non essersi lasciate ingannare da questa colossale disinformazione. Ma, dopo che il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito, le bande armate in Siria hanno raddoppiato i loro attacchi selvaggi sentendosi evidentemente forti del sostegno della cosiddetta «comunità internazionale».

Silvia Cattori: In un articolo del 4 febbraio, il giornalista della AFP, Khaled Soubeih [1], afferma che, secondo i militanti anti-regime, «durante la notte, forze del regime hanno bombardato a colpi di mortaio e carri armati diversi quartieri ribelli come Baba Amro, Bab Dreib, Bab Sebaa, Bayada, Wadi Araba, e soprattutto Khaldiyé». Il Consiglio nazionale siriano (CNS) parla di 260 morti e centinaia di feriti. È questo quanto accaduto, secondo lei, nella notte tra venerdì 3 e sabato 4 febbraio 2012?

Risposta: Sparano da ogni parte.. vogliono uccidere.. I loro colpi hanno ucciso 20 militari che si trovavano nel nostro quartiere (Hadara).. Sono loro che sparano e ci bombardano. Li sente? Stanno bombardando il nostro quartiere proprio ora [11,40 di domenica 5 febbraio]. Sparano e uccidono all'impazzata tanto gli alauiti che i sunniti nei quartieri che controllano.

Silvia Cattori: Ma quando dice «loro», a chi si riferisce?

Risposta: Parlo dell'opposizione armata contro Bashar [il presidente siriano Bashar Assad, n.d.t.].

Silvia Cattori: Si sono viste immagini che mostravano oppositori davanti a decine di corpi ricoperti da lenzuola bianche e si diceva che erano stati uccisi nel quartiere di Khaldiyé. Quindi secondo lei erano corpi di civili e militari uccisi dai gruppi armati?

Risposta: Sì. Li hanno uccisi loro. Tra questi corpi, persone del nostro quartiere hanno riconosciuto persone che erano state rapite [2], alcuni da molto tempo. Molta gente è stata portata via. I prelevamenti sono cominciati ad aprile.

Silvia Cattori: Tra questi corpi è stato riconosciuto qualcuno che lei conosceva? Il ministro degli Esteri francese, Alain Juppé, ha parlato di 100 bambini uccisi a Homs l'altro giorno..

Risposta: Parenti del mio quartiere hanno riconosciuto, tra i cadaveri, una ventina di uomini che erano stati rapiti. Portavano segni di torture. Non hanno potuto vedere tutti i corpi. Non hanno visto donne né bambini tra i cadaveri. Hanno visto corpi di uomini, gente scomparsa, di parenti, che presentavano sicuramente tracce di torture apparentemente anteriori alla morte; hanno assicurato che questi uomini erano stati prelevati tempo prima, che sembravano essere stati giustiziati, non uccisi dalle cannonate.

Silvia Cattori: Sa quante persone sono state prelevate da questi gruppi armati da aprile?

Risposta: Non si sa con esattezza.. ma molti uomini sono scomparsi. Tra loro c'è un mio cugino. È stato rapito 15 giorni fa. Non se ne ha più alcuna notizia. Ci sono famiglie, qui, che hanno figli, padri, zii, rapiti. Si stima che circa 400 persone sono state prelevate, scomparse.
Conosco un altro caso recente. Il fratello di una amica. È partito in auto il 24 gennaio e non è stato più visto. La sua famiglia ha avuto notizie 4 giorni fa, i rapitori chiedevano un riscatto, una grossa cifra. È accaduto che il denaro è andato perso, il mediatore è stato ucciso in strada..

Silvia Cattori: Ma qui si dice che è l'esercito che stupra, tortura i bambini.. Chi legge dirà che forse è proprio l'esercito a far sparire le persone..?

Risposta: Quello che lei dice non è quello che noi vediamo qui. Sono gli oppositori armati che assediano, rapiscono, uccidono e torturano i bambini di cui poi vediamo le foto su Al Jazeera. Attribuiscono i loro crimini all'armata siriana. Le distruzioni, i morti, i feriti... la responsabilità è degli oppositori armati.

Silvia Cattori: Sempre a proposito di questi 260 civili uccisi [3] «tra cui un centinaio di bambini e donne» che sarebbero morti sotto le cannonate dell'esercito di Assad nel sobborgo di Khaldiyé, a Homs, la notte di venerdì 3 febbraio, e che hanno emozionato il mondo; c'è qualcosa che non torna. Dunque, tra i corpi esposti a Khaldiyé non si vedono donne né bambini. Si vedono giovani uomini i cui corpi portano segni di torture. Non sembrano essere stati uccisi negli scontri, in seguito ai bombardamenti. Tutto ciò conferma quanto ci ha appena detto. Ovvero che le uccisioni sono opera dei gruppi armati. È importante chiarire questo punto; se quello che lei dice è vero - che i corpi mostrati sono quelli di persone che gli oppositori avevano prelevato e giustiziato - questo incrimina coloro che, come Obama e Sarkozy, sostengono gli oppositori, coprono le loro atrocità perché vogliono la fine di Assad, ad ogni costo. Ci sono foto di edifici che sono stati bombardati?

Risposta: Sì. Hanno bombardato Hadara, il nostro quartiere (dove è stato ucciso anche Gilles Jacquier - Nda) venerdì notte. I colpi venivano da Baba Amro, Bab Dreib, Bab Sebaa, Khaldiyé.. in ogni direzione. Ma non sparavano da posti in cui si trovavano le forze armate governative che sono qui nel nostro quartiere per proteggerci. È un piccolo quartiere il nostro.

Silvia Cattori: Ma, allora, quello che raccontavano Siriani al telefono al giornalista dell'AFP non è vero?

Risposta: No, non è vero. Loro hanno armi pesanti. Hanno preso il controllo di Baba Amro, Bab Dreib, Bab Sebaa, Bayada, Khaldiyé... Distruggono, uccidono, feriscono. Stanno bombardando, proprio ora... Sono loro (i gruppi islamisti armati) che fanno esplodere i palazzi, che minacciano le persone, ovunque, non solo nel nostro quartiere. Ci sono colpi, in questo momento, che arrivano da diverse parti. Gli abitanti chiamano l'esercito in aiuto.

Silvia Cattori: Ha paura, ora?

Risposta: Sì, siamo terrorizzati. È molto pericoloso per noi.

Silvia Cattori: Si fatica a capire come questi gruppi possano «controllare» la popolazione di interi quartieri nella città di Homs.. ?

Risposta: Sono entrati nei quartieri, si sono installati con il terrore; tengono la popolazione sotto minaccia, li obbligano a collaborare se vogliono protezione, li obbligano a chiudere i loro negozi, le scuole.

Silvia Cattori: Qual è la parte più difficile per voi che siete sotto i loro colpi?

Risposta: Non si può uscire, non si possono vedere le altre persone, si vive nel terrore permanente che una bomba ti cada addosso e ti uccida. Non siamo più sicuri... Non posso andare a lavorare, fuori ci sono continui bombardamenti. Ci ammazzano non appena mettiamo la testa fuori; la casa del mio vicino è stata distrutta...

Silvia Cattori: Da quando la situazione è divenuta insostenibile?

Risposta: Da due giorni le cose stanno andando sempre peggio ma la situazione ha cominciata ad aggravarsi nell'ultima settimana.

Silvia Cattori: Avete l'impressione che l'amministrazione di Assad non faccia quanto necessario per proteggervi?

Risposta: Fanno del loro meglio in un contesto molto difficile.

Silvia Cattori: I giornalisti dei media tradizionali parlano di manifestazioni pacifiche, una rivoluzione che promette democrazia...

Risposta: No, non ci sono manifestazioni pacifiche da parte loro. Tutte le manifestazioni sono violente, sono incitamento alla violenza.

Silvia Cattori: Quello che dice attesta che, ciò che i politici e i media qualificano da noi come «militanti pro-democrazia», sono in realtà gruppi armati che terrorizzano la popolazione. È in ogni caso una dolorosa equazione. Cosa prova quando sente Alain Juppé et Gérard Araud, ambasciatore francese all'ONU, dare ragione a questi oppositori armati che vi uccidono, rapiscono, e uccidono i soldati che, pur con le migliori intenzioni, non riescono a proteggervi?

Risposta: Cosa provo? Tristezza. Sono molto triste per il mio paese, il mio popolo... non smetto di domandarmi perché mentono... noi siamo qui, di fronte all'ignoto... Ringrazio la Russia e la Cina per aver posto il loro veto al Consiglio di sicurezza. Se anche loro lasciassero fare quello che vogliono agli altri paesi, ciò che è accaduto in Libia arriverebbe anche qui, ma molto peggio... Vorrei dire ai giornalisti e ai responsabili politici che con le loro menzogne, le loro parzialità a favore degli oppositori armati che ci terrorizzano, distruggono lo spirito e soprattutto l'anima dei nostri giovani.

Silvia Cattori: La ringraziamo per aver accettato di rispondere alle nostre domande. Faremo del nostro meglio per fare conoscere la vostra testimonianza.

*****

Sgomenta per quanto avevo appena ascoltato, ho abbassato la cornetta ben sapendo che i nostri politici e media non avrebbero nemmeno ascoltato [4]. (5 febbraio 2012)

Post scriptum
Questa mattina, 6 febbraio, mentre ci apprestavamo a pubblicare questa testimonianza, sentendo dire su France Culture che l'esercito siriano stava martellando incessantemente da sabato gli oppositori, e l'ospite del mattino, Salam Kawabiki, oppositore siriano residente a Parigi, lamentarsi per il fatto che «sfortunatamente i media del regime sono ripresi da siti di estrema destra francesi..» [5], abbiamo drizzato le orecchie. Salam Kawabiki parlava di più di 400 morti tra gli oppositori durante la notte di venerdì. Oppositori che egli rappresentava come assolutamente pacifici, che manifestavano e cantavano, anime di una rivoluzione che aveva «risvegliato lo spirito siriano».
Non ci abbiamo creduto. Tutto ciò che diceva sapeva di propaganda, non collimava in alcun modo con quanto, da mesi, i nostri contatti da Homs, terrorizzati dagli oppositori armati, dicevano e ripetevano. Li abbiamo ricontattati per domandare ancora chi stesse attaccando quel giorno. Ci hanno detto: «Oggi i gruppi armati hanno attaccato il centro di comunicazione; hanno fatto esplodere edifici nei quartieri di al-Nazihin e di al-Inshaat; hanno minacciato di far saltare altri palazzi in altri quartieri; sui tetti ci sono copertoni che bruciano [6]; gli abitanti chiedono il soccorso dell'esercito».

Silvia Cattori

Per motive precauzionali non indichiamo il nome del nostro corrispondente. Questa intervista non avrebbe potuto essere realizzata senza il prezioso sostegno di Rim, una giovane Siriana.

________________________________________
[1] «Siria: shock e orrore nella città devastate di Homs», Khaled Soubeih, (AFP) 4 febbraio 2012.
[2] Anche monsignor Jean-Clément Jeanbart, metropolita melchite greco-cattolico di Aleppo, sostiene che «persone sono uccise in pieno giorno, altre rapite da criminali che chiedono elevati riscatti» Si veda: http://www.silviacattori.net/article2780.html
[3] Il corrispondente della BBC in arabo, che si trovava a Homs dalla parte dei ribelli, stimava in 50 il numero dei morti (non 260), precisando che, in quel caos, il conteggio era davvero difficile.
[4] Si veda : «Les Syriens sont une majorité à soutenir le président Assad, mais ce n'est pas des médias occidentaux que vous pourriez l'apprendre » [La maggioranza dei Siriani sostiene il presidente Assad ma non lo saprete mai dai media occidentali], di Jonathan Steele, The Guardian, 17 gennaio2012.
[5] Ci sono numerosi siti di informazione, in Francia, di diverso orientamento, che pubblicano autori seri e imparziali (e traducono allo stesso tempo autori stranieri come MAHDI DARIUS NAZEMROAYA, BILL VAN AUKEN, PEPE ESCOBAR, JEREMY SALT, JONATHAN STEELE, ecc.), infinitamente più credibili, a proposito di quel che succede in Medio e Vicino Oriente, di giornalisti come Christophe Ayad o Georges Malbrunot, pubblicati da Le Monde e Le Figaro.
[6] Due giorni fa, su Facebook, sedicenti «rivoluzionari democratici amanti della libertà» avevano chiamato a incendiare pneumatici sui tetti degli edifici di Homs.

 

Traduzione a cura di Simone Santini

Fonte: http://www.silviacattori.net/article2787.html


 
 Varie 
Ultimo numero
Arrchivio dei numeri
Archivio Ultima Ora
I nostri links


 
 Saggi della montagna 
Barack Obush
101 storie sull\'Islam
Libertà senza i “liberatori”
Archivio


 
 Economia 
Aristocrazie della speculazione e potere di creare moneta
Padroni dell\'universo e sovranità dei popoli: il caso BlackRock
Il gene del profitto che va modificato
Archivio


 
 Encyclopedie 
LA QUESTIONE ERITREA (1941-1952)
LA SFIDA DELL'AIDS: la risposta politica nel Sudafrica post-apartheid
Riparazioni per le vittime dei conflitti armati internazionali e non
Archivio




 
E-mail info@clarissa.it